I re di Napoli

Tenive ‘o mare dint’ a chill’uocchie azzurri
e dint ‘o core
tant che te sbatteva l’ onda da passione
pe tutt’e cose che sapive fà.
Tecnico eppur poeta, hai ritt niente
uomo di cuore, sempre in movimento
Ma a cosa toja cchiù bella
‘o vuó sapé, é a semplicità
che a tutti quanti t’ ha fatt arrivà
Pe ‘na filosofia, chella ‘da strada
_che sul a Napule a sapimme fa_
e tu é purtato a ogni pizz ‘e munno
rendenno orgoglio azzurro
a chistu popolo
che oggi ti onora e te proclama rre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *