..’na scarda ‘e stella

Camminavo pè ‘na via che nun era manco a mia
m’ero persa, sò sicura, tutto a nu tratto ‘nnanze me truvaje nu muro.
Me fermaje, attuorno me vuardaje
p’a disperazione l’uocchie ‘ncielo aizzaje
e che m’è succiess! Vuie nun putite manco immaginà!
…’na scarda ‘e stella me carette ‘nzino… a me!
J’ steve chiena ‘e paura…che aveva fa?
Ma manco pè nu secondo pensaje che me putevo abbrucià!
D’istinto aizzaje ‘e braccia e m’a strignette ‘mpiette,
chiurette l’uocchie e pe chill’abbraccio
j’ ‘lle dicette tutto cosa…le detti tutto chelle che le potevo dà…
Mò…si v’o dico vuie nun ce cridete…
N’anno è passato… e chella sta ancora ccà!
Vuie m’o sapite dicere mò, una comme me
che ce po’ fa pe ‘na cosa accussì bella…
‘nu splendore che nun s’è visto mai?!
…’na stella…vuie capite?!
E dice pure che nun se move ‘a ‘ccà, che vicino a me vò stà!
Ma io che pozzo fa, se me piglio paura pure d’a tuccà!
…che si chella si spaventa e se ne fuje…
io me ne moro…comme campo cchiù?!
E allora ‘a tengo ‘ccà…
Le dico ‘e parole ‘cchiù dòce che me detta ‘o core
…’a guardo…e me ‘nnamore…

Sei come l’onde

Onda del mare
operosa, volenterosa,
in perenne movimento
lambisce la riva di sabbia e scogli,
come un innamorato amante…
con impeto passionale talvolta,
con indicibile premura, altre.
Fossi io…
Fossi io quel sassolino
scardinato dallo scoglio,
inghiottito nel silenzio profondo
docilmente accompagnato a riva dall’onda gentile.
Fossi io quel sassolino
levigato, custodito
dalla salata, avvolgente mano,
Fossi io quello…
destinato a cullarsi in quel moto eterno
fossi io…
prescelta per godere della perpetua tua carezza.

Mi sollevi

Squarci fragorosi nell’aria attorno a me.
Vortici violenti
di gelo e aghi di pianto
mi risucchiano.
La mente ormai densa
scivola nella sua danza vorticosa
ingoiata dal gorgo,
nel ricordo.
Ma esiste l’appiglio
ed io lo so…
Saldo è l’intreccio delle mani
puro l’intento
sicura la strada.
La tua, la mia
ma l’uno accanto all’altro,
comunque.

Nulla è per caso

Incontri.

Intrecci di vita, di storie diverse.
Come trame di fili sottili
abilmente intessuti
sovrapposti, accostati, poi di nuovo distanziati.
Ad arte orditi
nel compimento
d’un preciso disegno.

La voce tua

Fra tutte io la riconosco.
E’ onesta, la voce tua
mi fido di lei
anche quando è severa,
anche quando mi mente.
Mi attrae da sempre.
E’ suadente
convince i miei occhi a guardare oltre.
Mi tiene per mano, la voce tua
ma non mi guida,
non mi indica la strada,
mi accompagna, invece
nel mio cammino
mentre vado a casa.

Artigiana d’amore

Intaglio i miei pensieri intorno a te.
Mi insegno pazienza e precisione.
Ridipingo di continuo le mie idee.
Scolpisco l’aria prima che la respiri tu.
Canto la parole che toccano il tuo cuore.
Coltivo la sincerità che tu mi chiedi.
Ogni mio talento impiego
per renderne un dono a te.
Paga d’un tuo solo pensiero mi rinfranco
e ritrovo le forze per reinventarmi domani.

Per te dolce Manuela

Qual è il mondo reale?
Quello di uomini fatti d’insoddisfazione
di rabbia e di catene,
uomini che hanno un viso
ma indossano una maschera
e ogni giorno fingono..
fingono d’esser sinceri, compresi, felici
e se non fosse questo…
se il mondo vero fosse
fatto d’esseri sereni,
che in libertà si nutrono d’uno sguardo
d’un sorriso, dell’emozione di una parola
esseri che si incontrano
e sanno già di potersi fidare l’uno dell’altro
che di sincerità vivono
e non chiedono altro…
e se invece il mondo vero fosse
il tuo capanno, il tuo isolotto
nel tuo mare di dolcezza
perché no, piccola Manuela
casomai…
io saprei anche cucinare,
ma all’occorrenza
non credi
che abbiamo ancora molto da imparare…

Ancòra

Non son rosse labbra quelle a cui anelo,
non passionali abbracci
né voluttuosi corpi da sfiorare,
neanche i forti sapori dell’amor carnale.
I miei pensieri, come sinuose muse
scivolano attraverso la mente
dall’animo mio
raggiungono il mio amato e lo accarezzano per me.
La nostra musica coinvolgente,
note e parole scandite nel cuore
accendono i nostri sensi
e li lasciano vibrare in libertà.
Il nostro scambio di vita
ci apre ai nostri calorosi abbracci
e consente ai nostri cuori
di battere allo stesso ritmo dell’altro.
I nostri sogni, bramati, insieme inseguiti
ci lasciano assaporare l’eterno gusto della dolcezza.
Se non è amore questo…non è passione…ditemi cosa…
Illusi…sognatori… che c’importa?!
Ancora, amore mio, ancora…
per un giorno o per la vita intera,
finchè lo vuoi…resta così…

Alla vita

Son qua. Ti aspetto in piedi.
Conosco ormai il tuo gioco…
Mi concedi gocce miracolose
lasciando che il mio animo
pervaso d’amore
liberi in volo lo spirito mio…
E’ allora,
al limite del mio volo,
che mi colpisci nel fianco,
mi ferisci, mi costringi a planare
mi atterri.
Ma son qua e resto qua…
Se questo che dev’esser..questo sia!
Sarò forte, vedrai…
Custodirò come una madre nel grembo
le gioie che mi saranno concesse
e al solo pensiero di esse
il dolce sapore riaffiorirà sulle mie labbra
mischiato a lacrime e dolore
donandomi la certezza
che ancora ce ne saranno per me…
e più forte di prima,
mi rialzerò e ancora aspetterò.

Da lontano

Su di te
ho appoggiato i miei occhi.
Ti guardo
mentre esegui i tuoi volteggi pieno d’entusiasmo,
 nelle tue decise rincorse verso il sole,
 nella tua ricerca di un angolo blu in cui rinfrancarti.
T’accarezza
il mio sguardo…
come amorevole mano materna
attraversa i tuoi capelli d’angelo,
si ricolma di fierezza
nell’ammirare il tuo essere
e,
consapevole,
t’accompagna sempre,
per proteggere il tuo volo.